play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Musica e Spettacolo

Addio a Sandra Milo. La mitica “Sandrocchia” di Fellini, se n’è andata a poco più di 90 anni

today29/01/2024 11 5

Background
share close

La famiglia ha dato la notizia che Sandra Milo si è spenta nella sua abitazione tra suo cari come era suo desiderio. Sandrocchia, come l’aveva soprannominata Federico Fellini per il quale fu una musa, ma anche la sua amante per diciassette anni. E’ stata una delle attrici più popolari del cinema italiano. Nata a Tunisi l’11 marzo 1933, aveva debuttato niente meno che con “Lo scapolo” accanto ad Alberto Sordi nel 1955.

Con oltre settanta film all’attivo è stata una protagonista del cinema italiano da metà degli anni ’50 fino agli anni 2020, con l’immagine della svampita, ma con una forza e un carattere che l’hanno imposta tra le star italiane di primissimo piano.

il presentatore tv Pierluigi Diaco, collega, che ha lavorato anche ultimamente con lei e suo amico, ha ricordato come sia stata un’amica sincera e una compagna di viaggio preziosa che ringrazio per avermi insegnato che qualsiasi momento negativo, perfino il più doloroso, poteva essere affrontato con sorriso e altruismo.

Nella vita personale fu sposata a 15 anni col marchese Cesare Rodighiero da cui ebbe un figlio morto alla nascita e dal quale divorziò dopo 21 giorni (matrimonio poi annullato dalla Sacra Rota); poi si legò per 11 anni col produttore greco Moris Ergas che la fece debuttare con Rossellini e Pietrangeli, da cui nacque Deborah, giornalista televisiva; quindi una successiva unione con Ottavio De Lollis con la nascita di Ciro e poi di Azzurra.

Di lei ci rimangono le splendide interpretazioni e le belle immagini di 8 ½, La città delle donne (Fellini), Il Generale della Rovere (Rossellini), A Casa tutti bene (Muccino) e tanti altri. Lavorò con importanti registi italiani e stranieri come Jean Renoir, Jacques Backer, Antonio Petrangeli, Mauro Bolognini, Luciano Salce, Gabriele Salvatores.

Insomma fu diva e musa, attrice drammatica e simpatica svampita, un a donna e un’attrice che entrerà di filato nella storia del cinema e non solo italiano,

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA