play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Esteri

Biden: prime sanzioni contro Israele, colpiranno i coloni che hanno attaccato i palestinesi

today02/02/2024 14

Background
share close

Ieri il presidente Joe Biden ha emesso un ordine esecutivo che prende di mira quattro coloni israeliani in Cisgiordania che sono stati accusati di aver attaccato palestinesi e gli attivisti pacifisti israeliani nei territori occupati, imponendo sanzioni finanziarie e divieti di visto.

Secondo l’ordine, questi coloni sono stati coinvolti in atti di violenza, nonché in minacce e tentativi di distruggere o impossessarsi di proprietà palestinesi. Le sanzioni mirano a impedire ai quattro di utilizzare il sistema finanziario statunitense e ad impedire ai cittadini americani di trattare con loro. Funzionari americani hanno detto che stanno valutando se punire gli altri coinvolti negli attacchi che si sono intensificati durante la guerra tra Israele e Hamas .

L’ordine di Biden è un raro passo contro il più stretto alleato dell’America in Medio Oriente che, dice Biden, ha il diritto di difendersi. Ma il presidente democratico ha fatto pressione sul primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu affinché mostri maggiore moderazione nelle sue operazioni militari volte a sradicare Hamas. Netanyahu,da parte sua ha denunciato le sanzioni statunitensi. Le autorità palestinesi intanto confermano che alcuni palestinesi sono stati uccisi da coloni, e attivisti per i diritti umani affermano che i coloni hanno dato fuoco ad automobili e attaccato diverse piccole comunità beduine, costringendole all’evacuazione.

Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, ha dichiarato che questa violenza rappresenta una grave minaccia alla pace, alla sicurezza e alla stabilità in Cisgiordania, Israele e nella regione del Medio Oriente e clpisce la sicurezza nazionale e gli interessi di politica estera degli Stati Uniti.

Biden in questi tempi si trova ad affrontare crescenti critiche per il forte sostegno della sua amministrazione a Israele, mentre le vittime aumentano nel conflitto. L’ordinanza rileva che la violenza dei coloni mina gli obiettivi di politica estera degli Stati Uniti, inclusa la fattibilità di una soluzione a due Stati e la garanzia che israeliani e palestinesi possano raggiungere uguali misure di sicurezza, prosperità e libertà.

Netanyahu, come si sa, ha rifiutato tale idea durante tutta la sua carriera politica e ha risposto ai funzionari statunitensi che rimane contrario a qualsiasi piano postbellico che includa la creazione di uno Stato palestinese.

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA