play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Cronaca

Cambiamento climatico: la geoingegneria solare è davvero la soluzione?

today05/07/2023 12 1

Background
share close

Alla conferenza sulla sicurezza di Monaco della scorsa settimana, George Soros ha parlato del rischio esistenziale che il cambiamento climatico rappresenta per la civiltà umana, nonché di quello che sembrava essere il suo metodo preferito per affrontarlo: illuminare le nuvole sopra l’Artico per riflettere l’energia del sole lontano dalle calotte glaciali che si sciolgono. Ma Soros, il miglior sostenitore della geoingegneria solare, non è l’unico miliardario che si è recentemente interessato a far rimbalzare i raggi del sole nello spazio. Tra gli ultra-ricchi del mondo, i piani per respingere i raggi del sole sono stati apparentemente di gran moda.

Bill Gates, ad esempio, ha sostenuto un progetto degli scienziati dell’Università di Harvard per testare un’idea per spruzzare carbonato di calcio nell’atmosfera nei cieli della Scandinavia settentrionale nel 2021. Progetto archiviato dopo le proteste dei gruppi indigeni e degli ambientalisti locali.

Jeff Bezos ha utilizzato le capacità del supercomputer di Amazon per studiare gli effetti del progetto di iniettare enormi quantità di anidride solforosa (SO2) nell’atmosfera entro la fine dell’anno.

Dustin Moskovitz, un miliardario cofondatore di Facebook, ha investito 900.000 dollari in finanziamenti per scienziati in Mali, Brasile, Tailandia e altri paesi per studiare i potenziali effetti della geoingegneria solare sempre in relazione all’uso dell’anidride solforosa.

Tali proposte, note come geoingegneria solare, sono state a lungo controverse nel mondo della scienza del clima, a causa dei potenziali effetti collaterali sul clima globale, dei problemi di fattibilità e dei rischi del cosiddetto rischio morale: cioè la preoccupazione che promuovere l’idea di una soluzione rapida, potrebbe distrarre la pressione politica e la volontà popolare dall’affrontare il problema di fondo delle emissioni di carbonio dalla combustione di combustibili fossili.

In sostanza, la situazione è la seguente: i tagli alle emissioni sono il piano A dell’azione per il clima. Stiamo immettendo nell’atmosfera milioni di tonnellate di gas che riscaldano il pianeta e dobbiamo davvero fermarlo. I piani alternativi sono basati sul concetto di rinunciare a cercare di ridurre le emissioni ora e sperare che l’immissione di sostanze chimiche diverse, come l’anidride solforosa, nell’atmosfera ne annulli grosso modo gli effetti.

Ma con il tempo che sta per scadere e le emissioni globali che continuano ad andare nella direzione sbagliata, negli ultimi anni il dibattito scientifico è cambiato; alcuni scienziati stanno sostenendo che dovremmo almeno capire meglio quella rischiosa opzione dei piani alternativi, nel caso in cui finissimo per doverne usare uno (la Casa Bianca, per esempio, ha sviluppato un piano di ricerca quinquennale per studiarla ). Altri scienziati hanno sostenuto che una certa quantità di geoingegneria solare potrebbe funzionare come una sorta di tappabuchi climatico: se i tagli alle emissioni non arrivano abbastanza velocemente, possiamo perseguire la geoingegneria per appiattire il picco delle temperature globali a breve termine, quindi allentare via via che le emissioni diminuiranno e la terra inizierà ad assorbire alcuni dei miliardi di tonnellate di carbonio che abbiamo pompato nei cieli.

Molte delle  persone sopra citate hanno fatto i loro soldi con la tecnologia e hanno assorbito l’etica secondo cui le soluzioni ingegneristiche accurate sono la soluzione per la maggior parte dei mali della vita. E poi c’è il fatto che affrontare il cambiamento climatico richiederà uno sforzo globale davvero gigantesco, ma può anche comportare cambiamenti molto più fondamentali e richiedere sacrifici su cosa e come consumiamo.  Pr  esempio a capire che la società non può avere come un progetto estrarre quantità sempre maggiori di risorse.

La geoingegneria solare può sembrare una risposta a questa domanda. Spruzzare un paio di milioni di tonnellate di SO2 nella stratosfera è spaventoso per alcuni, ma per altri l’idea è confortante. Sarebbe la rassicurazione sul fatto che esista davvero una soluzione rapida per il cambiamento climatico, che possiamo semplicemente provarla, tirare i dadi atmosferici su qualche bella correzione tecnica, e poi continuare a fare le cose sostanzialmente nello stesso modo in cui le abbiamo fatte fino ad ora.

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA