play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Economia

Davos. 54° edizione del World Economic Forum. In 2800 dagli Stati di tutto il mondo

today15/01/2024 12

Background
share close

Il surriscaldamento della Terra, il conflitto in Medio Oriente, la crisi dell’economia mondiale, la difesa dell’Ucraina contro la Russia, il rapido espandersi dell’intelligenza artificiale

Questo è l’elenco delle priorità globali che sarà materia di discussione nell’edizione di quest’anno che apre oggi e dà il via al dibattito tra élite imprenditoriali, politiche e di altro tipo organizzato dal World Economic Forum, come ogni anno sulle nevi alpine di Davos, in Svizzera, che si svolge durante cinque giorni e che quest’anno ha per tema Ricostruire la fiducia

Interverranno ben 60 capi di Stato e di governo, (tra cui il presidente israeliano Herzog e il presidente ucraino Zelenskyy,) si recheranno in città sia per tenere conferenze pubbliche che colloqui a porte chiuse. In tutto i partecipanti saranno oltre 2.800, tra cui anche accademici, artisti e leader di organizzazioni internazionali, tra cui 1.600 leader aziendali, di cui oltre 800 tra amministratori delegati e presidenti dei più importanti gruppi mondiali, da Amazon a Nestlè, passando per Microsoft.

L’incontro è annualmente organizzato dalla WEF, organizzazione no-profit, e affronta i temi più vari si pensi all’innovazione aziendale, agli obiettivi per la pace e la cooperazione in materia di sicurezza, o ai miglioramenti che cambiano la vita nell’assistenza sanitaria E’ un luogo in cui i decisori in una serie di campi differenti e di industrie diverse possono incontrarsi e dialogare.

Importante il lavoro economico degli economisti che, in vista di Davos, hanno preparato un rapporto dove emerge che l’attività economica mondiale rimane rallentata, le condizioni finanziarie sono sempre tese, le disuguaglianze di reddito e di status aumentano sempre più e sia le divisioni geopolitiche che le tensioni sociali continuano a crescere. Ad esempio, gli esperti sono ottimisti sui vantaggi che verranno dall’intelligenza artificiale, ma soprattutto per le economie già ad alto reddito. Mentre alla globalizzazione va sostituendosi una frammentazione geo-economica, con uno scivolamento dalla collaborazione a un modello economico ristretto che, secondo gli esperti, renderà il nostro mondo più povero e più pericoloso

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA