play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Politica

Questo non è il secolo della sostituzione etnica

today19/04/2023 19

Background
share close

Le dichiarazioni del ministro della Agricoltura e della Sovranità alimentare, come tutti sanno ieri, a proposito del tema della denatalità e della crescente immigrazione ha affermato: non posiamo arrenderci al tema della sostituzione etnica.

Questa frase ha scatenato molteplici critiche da parte di forze politiche, di figure istituzionali e di esponenti del mondo della cultura e di quello della scienza. Andiamo quindi a fare il punto della situazione, riportando alcuni di questi punti di vista

Iniziamo dal giornalista Nicola Porro giornalista, volto conosciuto della tv, molto vicino alle posizioni governative: Certo, il ministro ha usato un’espressione sbagliata e generatrice di non pochi equivoci come sostituzione etnica, ma, a parte la caduta stilistica e semantica, ha spiegato chiaramente cosa intendesse dire, quale fosse la sua idea.

Il Coordinatore nazionale per la lotta contro l’antisemitismo, il prefetto Giuseppe Pecoraro, per altro nominato dalla premier Giorgia Meloni a gennaio 2023, sul sito del governo definisce la sostituzione etnica un mito neo-nazista, mettendo in chiaro cosa significhi sostituzione etnica o Grande sostituzione, classificata tra i pregiudizi antisemiti dei miti neo-nazisti per cui i bianchi vengono sostituiti dai non bianchi. Un gruppo misterioso (spesso gli ebrei) complotta per sostituire l’identità occidentale».

Molto dura la replica dalla segreteria del PD per voce d Elly Schlein: Le parole del ministro Lollobridiga sono disgustose sono parole inaccettabili da chi ricopre il suo ruolo. Ci riportano agli anni ’30 del secolo scorso, sono parole che hanno il sapore del suprematismo bianco”.

Lapidario il commento di Romano Prodi: Siamo a dei livelli brutali.

Alessandro Cattaneo, vice coordinatore nazionale di Forza Italia,: Senza imbarazzo dico che sono parole che non userei

Carlo Calenda su Twitter ha postato questo commento: Riesumare il vecchio refrain della sostituzione etnica riporta il Governo ad una postura incompatibile con una presenza autorevole in Europa. Siamo di fronte ad un’involuzione sbagliata e pericolosa per l’Italia

Riccardo Magi, segretario di +Europa ha dichiarato in relazione alla sostituzione etnica che si tratta de: i peggiori teoremi della razza, tipici della destra suprematista e complottista, ispirazione di numerosi attentati.

Una nota il M5S  stigmatizza duramente la dichiarazione: Le parole del ministro Lollobrigida sono sconcertanti e disgustose. Questa è la cifra del governo Meloni: volgare propaganda razzista per coprire il vuoto assoluto del suo agire.

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA