play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Esteri

Concluso il raid israeliano in Cisgiordania; 13 palestinesi uccisi e decine e decine di feriti

today05/07/2023 6

Background
share close

L’esercito israeliano ha ritirato le sue truppe da una roccaforte palestinese nella Cisgiordania occupata mercoledì, ponendo fine a una violenta operazione, con una serie di attacchi aerei e centinaia di truppe di terra, che in due giorni che ha ucciso almeno 13 palestinesi, ha cacciato migliaia di persone dalle loro case e ha lasciato una scia di danni. Anche un soldato israeliano è stato ucciso.

Prima del ritiro, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso di effettuare altre operazioni simili, se necessario, aggiungendo che l’operazione a Jenin non è una tantum, vuole sradicare il terrorismo e ovunque sia sarà colpito.

Il raid di Jenin è stata una delle più forti operazioni militari israeliane in Cisgiordania da quando la rivolta armata palestinese, contro l’occupazione a tempo indeterminato di Israele. si è conclusa due decenni fa

Il ritiro è avvenuto poche ore dopo che un militante di Hamas ha investito con la sua auto una folla alla fermata dell’autobus di Tel Aviv e ha iniziato ad accoltellare le persone, ferendone otto, tra cui una donna incinta che avrebbe perso il suo bambino. L’aggressore è stato ucciso da un passante armato. Hamas ha detto che l’attacco è stato una vendetta per l’offensiva israeliana.

Dopo che le truppe se ne sono andate mercoledì mattina, i residenti hanno iniziato a uscire dalle loro case. Hanno trovato strade fiancheggiate da macchine bruciate e appiattite e cumuli di macerie.

Il raid di questi giorni arriva nel periodo più violento, durato più di un anno, e costituisce una sfida per il governo di estrema destra di Netanyahu, dominato da ultranazionalisti che hanno chiesto un’azione più dura contro i militanti palestinesi solo per vedere il peggioramento dei combattimenti.

Oltre 140 palestinesi sono stati uccisi quest’anno in Cisgiordania e gli attacchi palestinesi contro israeliani hanno fatto almeno 25 vittime, inclusa la sparatoria del mese scorso che ha ucciso quattro coloni.

Medici Senza Frontiere ha accusato l’esercito di aver sparato gas lacrimogeni in un ospedale, di aver riempito di fumo il pronto soccorso e di aver costretto i pazienti urgenti a essere curati in una sala principale.

Il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite ha affermato che la portata dell’operazione solleva una serie di seri problemi rispetto alle norme e agli standard internazionali sui diritti umani, tra cui la protezione e il rispetto del diritto alla vita.

Kefah Ja’ayyasah, una residente del campo, ha affermato che i soldati non le avrebbero permesso di portare cibo ai bambini e ha impedito a una squadra di ambulanze di entrare in casa quando ha gridato aiuto, prima di consentire alla famiglia il trasbordo in ospedale.

In tutta la Cisgiordania, i palestinesi hanno osservato uno sciopero generale per protestare contro il raid israeliano.

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA