play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Radio K55

Esteri

G20, India vuole continare a dare voce al sud povero del mondo

today08/09/2023 9

Background
share close

L’India vuole essere una voce più autorevole per il mondo in via di sviluppo al G20, ma il problema della guerra in Ucraina potrebbe oscurare questo suo obiettivo.

Il primo ministro indiano Narendra Modi, ospite di quest’anno, ha promesso però che l’Ucraina non metterà in secondo piano la sua attenzione ai bisogni delle nazioni in via di sviluppo nel cosiddetto Sud del mondo, anche se la guerra è effettivamente  difficile da ignorare in contesto come il G20

Nazia Hussain, ricercatrice associata presso la S. Rajaratnam School of International Studies di Singapore Nuova Delhi ha affermato che non si vuole distrarre l’agenda dal tema principale, cioé affrontare questioni di interesse per il Sud del mondo,.

Questo significa che mentre si discuterà sulle questioni emergenti come le ricadute della guerra, la sicurezza e il disaccoppiamento della catena di approvvigionamento, la sicurezza energetica e l’approvvigionamento alimentare, l’attenzione deve rimanere su come mitigare le ricadute piuttosto che discutere gli aspetti geopolitici della guerra.

Mosca ha respinto le bozze su un riferimento all’Ucraina in cui si affermava che “la maggior parte dei membri condannava fermamente la guerra”, lo stesso messaggio che avevano lanciato un anno fa al vertice del G20 di Bali

L’Unione Europea, nel frattempo, ha affermato che il linguaggio di compromesso suggerito dall’India non è abbastanza adeguato per essere accettato, mentre il Regno Unito ha affermato che il Primo Ministro Rishi Sunak intende spingere i membri del G20 ad adottare una linea più dura contro l’invasione della Russia. Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha dichiarato che è importante dare spazio all’India mentre lavora attivamente, forse a volte discretamente, per massimizzare le possibilità di un comunicato condiviso.

Infatti concludere il vertice senza un comunicato sottolineerebbe a che punto siano tese le relazioni tra le maggiori potenze mondiali.

L’India vuole essere una voce più autorevole per il mondo in via di sviluppo al G20, ma il problema della guerra in Ucraina potrebbe oscurare questo suo obiettivo.

Il primo ministro indiano Narendra Modi, ospite di quest’anno, ha promesso però che l’Ucraina non metterà in secondo piano la sua attenzione ai bisogni delle nazioni in via di sviluppo nel cosiddetto Sud del mondo, anche se la guerra è effettivamente  difficile da ignorare in contesto come il G20

Nazia Hussain, ricercatrice associata presso la S. Rajaratnam School of International Studies di Singapore Nuova Delhi ha affermato che non si vuole distrarre l’agenda dal tema principale, cioé affrontare questioni di interesse per il Sud del mondo,.

Questo significa che mentre si discuterà sulle questioni emergenti come le ricadute della guerra, la sicurezza e il disaccoppiamento della catena di approvvigionamento, la sicurezza energetica e l’approvvigionamento alimentare, l’attenzione deve rimanere su come mitigare le ricadute piuttosto che discutere gli aspetti geopolitici della guerra.

Mosca ha respinto le bozze su un riferimento all’Ucraina in cui si affermava che “la maggior parte dei membri condannava fermamente la guerra”, lo stesso messaggio che avevano lanciato un anno fa al vertice del G20 di Bali

L’Unione Europea, nel frattempo, ha affermato che il linguaggio di compromesso suggerito dall’India non è abbastanza adeguato per essere accettato, mentre il Regno Unito ha affermato che il Primo Ministro Rishi Sunak intende spingere i membri del G20 ad adottare una linea più dura contro l’invasione della Russia. Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha dichiarato che è importante dare spazio all’India mentre lavora attivamente, forse a volte discretamente, per massimizzare le possibilità di un comunicato condiviso.

Infatti concludere il vertice senza un comunicato sottolineerebbe a che punto siano tese le relazioni tra le maggiori potenze mondiali.

Written by: content_creator

Rate it

Previous post

Economia

Cambiano le norme per gli affitti brevi di tipo turistico

Il ddl sugli affitti brevi intende regolare il fenomeno dei soggiorni-lampo esacerbato dalle piattaforme digitali di sharing come Airbnb. La stretta era stata , quando già si parlava di obbligo nei centri storici delle città metropolitane di affittare gli immobili per almeno due notti – un obbligo per il quale non è più prevista alcuna deroga -, e anche di Codice identificativo nazionale, di banca dati degli immobili ad uso abitativo messi in affitto a fini turistici e di multe per mancato rispetto […]

today07/09/2023 8


0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA