play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Radio K55

Esteri

Marocco, terremoto: terzo giorno con oltre 2500 vittime ed altre scosse

today11/09/2023 8

Background
share close

La gente ha dormito nelle strade di Marrakech per la terza notte consecutiva, mentre soldati e squadre umanitarie internazionali con camion ed elicotteri cominciavano a riversarsi nelle remote città di montagna colpite più duramente da uno storico terremoto. Il numero delle vittime è destinato a crescere tanto che le Nazioni Unite hanno stimato che 300.000 persone siano state le persone colpite dalla scossa quasi di magnitudo 7 di venerdì sera.

Tra le offerte di diversi paesi, tra cui Stati Uniti e Francia, i funzionari marocchini hanno dichiarato ieri che accetteranno aiuti internazionali solo da quattro paesi: Spagna, Qatar, Gran Bretagna ed Emirati Arabi Uniti. Questa esclusione di aiuti è stata spiegata dal ministero dell’Interno con la discutibile considerazione che la mancanza di coordinamento in questi casi sarebbe controproducente.

Mentre alcune squadre straniere di ricerca e soccorso sono arrivate ieri mentre una scossa di assestamento ha scosso i marocchini già in lutto e sotto shock, altre squadre umanitarie pronte a schierarsi si sono sentite frustrate in attesa che il governo richiedesse ufficialmente assistenza. Arnaud Fraisse, fondatore di Soccorritori Senza Frontiere ha detto che sanno benissimo che c’è una grande urgenza di salvare le persone e di scavare sotto i resti degli edifici, ma che ha una squadra bloccata a Parigi in attesa del via libera e che ci sono persone che muoiono sotto le macerie e non possono fare nulla per salvarle.

Gli aiuti tardano ad arrivare ad Amizmiz, dove sembra che un intero pezzo della città, con case di mattoni di arenaria rossa e arancione, scavate nel fianco di una montagna, sia scomparso. Anche il minareto di una moschea é crollato. Salah Ancheu, 28 anni, abitante del villaggio  ha commentato che è una catastrofe e non sanno quale sia il loro futuro. E insiste denunciando che intanto gli aiuti si rivelano insufficienti, non ci sono ambulanze, non c’è polizia, almeno fino a ieri mattina, riferendosi a molte parti della regione.

L’U.S. Geological Survey, comunica che quelle aree sono state scosse nuovamente ieri da una scossa di assestamento di magnitudo 3,9. Non si sa se abbia causato più danni o più vittime, ma sicuramente ha scosso i nervi della popolazione di quelle aree in cui i danni hanno lasciato gli edifici instabili.

Written by: content_creator

Rate it

Previous post


0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA