play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Salute e Benessere

Il rischio di un’altra pandemia da un nuovo virus?

today04/12/2023 7

Background
share close

Il rischio, dicono i ricercatori, è concreto: ma cosa si può fare per prevenirla? Se ne sta occupando un progetto europeo: due istituti di ricerca, ad Augusta e a Monaco, in Germania, si sono dotati di tecnologie all’avanguardia per capire come funzionano i virus. Claudia Traidl-Hoffmann, direttrice dell’Istituto di Medicina Ambientale dell’Università di Augusta,  afferma che ci sarà di sicuro una nuova pandemia. E molto probabilmente anche questa sarà trasmessa dagli aerosol. Si sta cercando di istituire delle sentinelle, anche per capire come le particelle virali si disperdono nelle stanze, negli aerei, negli autobus. In caso di pandemia, non è possibile che tutto si fermi, la vita deve continuare.

Secondo l’Oms il Covid ha causato più di 6,9 milioni di morti e infettato più di 771 milioni di persone nel mondo. L’Istituto di Medicina Ambientale (Iem) del Centro Helmholtz, a Monaco, ha acquisito un’apparecchiatura ad alta tecnologia nell’ambito del progetto europeo PerForM-REACT. L’obiettivo principale è la diagnosi precoce della progressione della malattia.

L’istituto è dotato di un laboratorio di biosicurezza di livello 3 con serrature di ingresso sigillate, stanze a pressione negativa e un sistema di inattivazione termica dei virus, oltre ad altri strumenti come un microscopio, utilizzato per studiare i virus a livello molecolare. Gregor Ebert, responsabile del laboratorio, assicura che alcuni gruppi di virus, come i coronavirus o i flavivirus, sono sottoposti a una sorveglianza molto rigorosa. Ora si dispone degli strumenti e anche di piattaforme di comunicazione per essere più preparati a cogliere eventuali campanelli d’allarme.Dan Kaemena, genetista molecolare spiega che si sta verificando se la SARS-CoV-2 può infettare diversi tipi di cellule e diverse parti di questi modelli di sistema cellulare in 3DI risultati della ricerca sono condivisi con il laboratorio dell’Università di Augusta, che è associato al progetto. Qui si studiano le interazioni tra i diversi virus e l’effetto del cambiamento climatico, del polline e dell’inquinamento sulla loro diffusione.

Il budget del progetto che copre i due studi è di 18,5 milioni di euro. PerForM-REACT è stato interamente finanziato dalla Politica di coesione dell’Unione europea. La ricerca procede spedita. Gli scienziati stanno lavorando con un robot in grado di prevedere la gravità di un’infezione, anche in un paziente positivo, ma asintomatico. Con questo robot si può prevedere il decorso dell’infezione Quindi si spera che in futuro, in caso di positività a un test in un centro di analisi, si possa ottenere questo test predittivo, in modo da essere inviati subito da un medico o all’ospedale per essere monitorati e prevenire un decorso grave

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA