play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Cronaca

Addio a Giulia da migliaia di giovani

today05/12/2023 7

Background
share close

Sono passate da poco le tredici che si conclude il rito funebre per l’addio a Giulia Cecchettin. I partecipanti intervenuti al funerale alla basilica di Santa Giustina a Padova sono stati ben oltre i diecimila previsti. La funzione era inIziata alle undici durante la quale il papà di Giulia aveva fatto un discorso sulla cultura in cui crescono cattive abitudini e storture che poi portano a questi fatti di sangue, anche tra persone tra cui ci sono stati dei legami affettivi. In un momento come questo, di dolore e tristezza va trovata la forza di reagire, di trasformare questa tragedia in una spinta per il cambiamento. La vita di Giulia, la sua Giulia, ha tenuto a dire papà Gino, ci è stata sottratta in modo crudele, ma la sua morte, può anzi deve essere il punto di svolta per porre fine alla terribile piaga della violenza sulle donne. Ringraziando tutti per essere intervenuti oggi, spera che la memoria di Giulia ci ispiri a lavorare insieme per creare un mondo in cui nessuno debba mai temere per la propria vita. Poi ha concluso rivolgendosi alla figlia dicendo che era giunto  il momento di lasciarla andare, pregandole di salutare la mamma  e ringraziandola per i 22 anni che ha regalato a tutti quelli che l’hanno frequentata qui in terra. Un lungo applauso ha accolto la fine del saluto di Gino Cecchettin. Tra le autorità presenti il ministro alla Giustizia Carlo Nordio, il presidente della Regione Luca Zaia e molti sindaci, Tantissime le persone comuni e tra loro una grandissima parte erano giovani  che si sono fatti notare facendo quel rumore agitando le chiavi, nel segno della volontà di non accettare più nel silenzio gli abusi e le violenze

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA