play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Esteri

Emergenza mar Rosso: l’allarme di Parigi-Roma-Berlino

today22/01/2024 11

Background
share close

Stamattina Germania, Francia e Italia presenteranno al Consiglio degli Affari Esteri di Bruxelles, in relazione alla missione della Ue nel mar Rosso a seguito della situazione conflittuale che si è determinata tra gli Houtih e le forze anglo-americane. Questo scontro paralizza il traffico sul Mar Rosso e lo stretto di Suez, causando non pochi problemi di collegamento ed economici, per l’Europa, ma che ha i suoi riflessi a livello globale.

Il documento punta a sottolineare la gravità della situazione attuale per gli interessi geostrategici europei, e l’importanza che l’Ue dimostri la propria volontà e le sue capacità di agire come attore di sicurezza globale, anche nel settore marittimo. Si sottolinea che la missione sarà in linea con la Convenzione Onu sul diritti del mare e sarà difensiva con la necessità di usare le strutture e le capacità già esistenti della missione Emasoh/Agenor, nello stretto di Hormuz.

Lo scopo dell’operazione, come si è detto, sarà difensivo: si occuperà prevalentemente di abbattere il fuoco in arrivo e non prevede operazioni a terra. Infatti non c’è nessuna opzioni di attaccare lo Yemen, come stanno facendo negli ultimi giorni Stati Uniti e Regno Unito. Lo scopo della missione sarà quello di scortare i natanti delle compagnie di navigazione con navi che all’occorrenza siano in grado di abbattere droni e razzi. L’intenzione è quella di approvare la missione nel Consiglio Affari Esteri del 19 febbraio, anche se si vorrebbe anche accelerare un po’, per lanciarla prima possibile. Le difficoltà di navigazione nel Mar Rosso potrebbero provocare ulteriori tensioni inflazionistiche

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA