play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Economia

Germania in recessione nel 2023, cattiva notizia per i Paesi della Ue

today15/01/2024 32

Background
share close

Che l’economia tedesca navigasse in cattive acque non era certo un segreto. Rapporti, previsioni, statistiche già mostravano che l’anno passato era stato molto duro per la Germania. Però vederselo così certificato da Destatis (l’ufficio federale di statistica tedesco, di proprietà del Ministero dell’Interno, che raccoglie dati economici, sociali, ambientali per tutta le repubblica federale) fa un certo effetto.

Abituati a considerare lo stato tedesco come la locomotiva dell’Europa, oggi la vediamo fare i conti con cifre che parlano chiare: una Germania che esce dal 2023 in recessione con un calo dello 0,3% del prodotto interno lordo. I risultati in realtà sono leggermente migliori delle previsioni del governo e del Fmi, che pronosticavano un calo dello 0,4% e dello 0,5% per l’anno in corso. E come si sente spesso affermare, anche Ruth Brand, presidente di Destatis ha dovuto ammettere che tutto si riconduce alla situazione economica globale che si è bloccata in un contesto ancora segnato dalle crisi, in particolare dalla crisi energetica e dalle tensioni geopolitiche.

Pesante il bilancio della potente industria tedesca che nel periodo ha fatto addirittura segnare quasi un -10% rispetto al periodo pre-Covid, Motivi? Una domanda interna diventata debole, a causa di inflazione e crescita dei tassi d’interesse. Un’esportazione anch’essa fiacca, un aumento delle materie, prime e tra tutte quelle energetiche. Questo ha creato fallimenti eccellenti come Galeria Karstadt Kaufhof (grandi magazzini), Bree, celebre marchio di borse e poi tante altre, basti pensare che un numero crescente di imprese e persone richiedono l’insolvenza e dichiarano bancarotta. Secondo tali dati, le richieste di insolvenza sono aumentate del 22,4% nell’ottobre 2023 rispetto all’ottobre 2022. A settembre la percentuale era del 19,5%. E tutto ciò non tranquillizza, né aiuta i Paesi della Ue che da sempre avevano come punto di riferimento l’economia della Stato tedesco

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA