play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Esteri

Hamas e Netanyahu, smussano le posizioni? Possibile una tregua, con scambio di prigionieri?

today07/02/2024 9

Background
share close

Sembrerebbe che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu abbia dato il suo benestare al cessate il fuoco con Hamas nella Striscia di Gaza, senza nemmeno informare il gabinetto di guerra. Almeno a stare a quanto avrebbe riportato l’emittente televisiva Kan, il canale all news israeliano.

La notizia, se confermata, sarebbe clamorosa e segnerebbe una svolta nelle convinzioni che il premier israeliano ha sempre espresso. Al momento l’ufficio di Netanyahu non ha confermato le indiscrezioni di Tv Kan, dichiarando al Times of Israel di non avere nuove risposte alla proposta di Hamas. Ma se è vero quanto trasmesso da Tv Kan, si tratterebbe di una decisione, non solo non ancora ufficializzata, ma nemmeno comunicata al gabinetto di guerra. Come mai? Netanyahu pensa di seguire altre strade, diverse da quelle usuali? O la notizia non ha nessun fondamento?

D’altra parte, Sky News Arabiya, avrebbe riportato che il Qatar dovrebbe aver informato Hamas sulla disponibilità di Israele al rilascio dai tremila ai cinquemila carcerati palestinesi, in cambio degli ostaggi ancora trattenuti nella Striscia di Gaza. Ma anche queste voci, per ora, non sono confermate né da Hamas, né dalle autorità israeliane.

Ma il fatto che inizino a girare queste voci e queste indiscrezioni, anche se non confermate, significa che qualcosa si sta muovendo, magari non nei canali canonici o nelle dichiarazioni ufficiali, ma in sedi e con personaggi anonimi e molto ben nascosti.

Intanto Hamas insiste sulla sua proposta in tre fasi. La Reuters che è riuscita a visionare la proposta riferisce di una prima fase che prevede la liberazione di donne, anziani, malati e maschi sotto i 19 ann,i in cambio di donne e minori palestinesi detenuti. La seconda consisterebbe nello scambio di altri uomini con altri detenuti e il contemporaneo ritiro dei soldati israeliani da Gaza. La terza fase consisterebbe nella restituzione dei corpi. Hamas chiede anche aiuti e l’avvio della ricostruzione della Striscia.

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA