play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left
  • cover play_arrow

    Radio K55

Cronaca

Il ghiaccio del Polo Sud non solo si scioglie, ma si può anche spaccare

today25/01/2023 5

Background
share close

Uno smisurato iceberg, se così si può ancora chiamare, vista la sua ampiezza, 1550 chilometri quadrati e il suo spessore di 150 metri. La notizia fa clamore, ma non stupisce, almeno gli scienziati e chi segue da vicino questi fenomeni.

La scoperta, se così possiamo chiamarla, è stata fatta dai satelliti dell’Agenzia Spaziale Europea non a caso chiamati “Sentinel”. Non è una sorpresa e nemmeno una scoperta  perché dal 2012 si stava formando questa crepa chiamata Chasm-1. Nel corso di dieci anni si è andata estendendo a nord, con momenti di pausa, ma poi allargandosi fino all’irreparabile distacco che si è verificato.

Ma stavolta non è il risultato del riscaldamento globale che pure sui Poli dimostra in modo più eclatante i suoi effetti. Secondo il glaciologo  Dominic Hodgson,  “questo ‘parto’ era previsto e fa parte del comportamento naturale della piattaforma di ghiaccio di Brunt. Non è legato al cambiamento climatico. I nostri team scientifici e operativi continuano a monitorare la piattaforma di ghiaccio in tempo reale per garantire che sia sicura […] Gli scienziati dell’Esa e di Bas riferiscono che “il distacco degli iceberg da una piattaforma di ghiaccio è seguito da un aggiustamento del flusso di ghiaccio nella piattaforma di ghiaccio”.

Resta l’incognita di quale direzione prenderà questa enorme massa di ghiaccio,  più grande dell’isola greca i Rodi, ma la sua traiettoria sarà ben monitorata da satelliti dell’Esa.

Written by: content_creator

Rate it

Previous post

Cronaca

Sciopero benzinai, stop anticipato

/*! elementor - v3.10.1 - 17-01-2023 */ .elementor-widget-image{text-align:center}.elementor-widget-image a{display:inline-block}.elementor-widget-image a img[src$=".svg"]{width:48px}.elementor-widget-image img{vertical-align:middle;display:inline-block} Fegica e Figisc Confcommercio hanno ceduto. Dopo che stamattina si era verificata la spaccatura con la Faib Confesercenti che aveva aperto regolarmente le proprie pompe, anche gli altri due sindacati hanno revocato la seconda giornata di sciopero "a favore degli automobilisti e non certo del governo”, hanno tenuto a precisare. Stamattina il ministro D’Urso aveva convocato in extremis […]

today25/01/2023 12


0%