play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Esteri

La propaganda russa invade il social X. Berlino in allarme, prossime elezioni a rischio

today26/01/2024 11

Background
share close

Il ministero degli esteri ha identificato 200mila ‘fake’ tweet al giorno provenienti da oltre 50mila conti non riconducibili a persone reali. Cosa significa? E perché la scelta di X ex-Twitter? Quanto c’entra, anche se non si vede, il patron di X, per altro accusato di aver rovinato uno dei più importati social network?

Più delle parole possono parlare i numeri, che se li mettiamo in fila ci dicono che X potrebbe essere destinata alla scomparsa. Perché? Ecco qualche cifra.

Il valore di X (ex-Twitter) è crollato in un anno del 56%, da 44 a 19 miliardi, (prima e dopo Elon Musk). Secondo il New York Times con il blocco della pubblicità, cui è stato sottoposto, ci ha perso almeno 75 milioni di dollari. Da quando è iniziata l’era Musk, le domande di ricerca su X, a stare ai calcoli di Google Trends, sono diminuite costantemente, passando da circa 14 milioni mensili a soli 11 milioni in un anno. I presupposti per una crisi esiziale, se il trend continuasse ad essere questo, ci sarebbero tutti.

Ma ci sono i buoni rapporti di Musk con Putin. Il Presidente russo  ha definito il miliardario Elon Musk come una persona eccezionale e un uomo d’affari la cui azienda SpaceX è diventata un attore importante nel settore del trasporto spaziale. L’elogio pubblico di Putin a Musk arriva pochi giorni dopo che questi ha dichiarato di aver rifiutato, l’anno scorso, la richiesta ucraina di attivare la sua rete satellitare Starlink. I due ufficialmente non si sono mai visti di persona, ma telefonate videochiamate possono esserci state visto che è notorio e pubblico il fatto che si siano scambiati, nei loro colloqui, soluzioni più o meno praticabili per la crisi ucraino-russa.

Ora è scoppiata la bomba. Sembra che la propaganda russa abbia invaso il social X e a Berlino è scattato l’allarme per il rischio che potrebbero correre le prossime elezioni . Il ministero degli esteri ha identificato 200mila fake tweet al giorno provenienti da oltre 50mila account fake.

Come mai questa permeabilità del social network di Elon Musk alle attività di hacker russi?

Meta, società che controlla la piattaforma Facebok, ad esempio, ha subìto la stessa sorte. Ma ha immediatamente bloccato oltre 1600 account Facebook falsi per aver diffuso propaganda russa in Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Ucraina. Ad annunciarlo la compagnia di Mark Zuckerberg, sostenendo che si trattava della rete più grande e complessa collegata alla Russia, mai identificata dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina.
Elon Musk invece pare non si sia accorto di nulla o che non abbia reagito, o perlomeno a tutt’oggi non se ne sa nulla. I buoni rapporti con la Russia e con Putin potrebbero essere una chiave di spiegazione? Certo c’è troppo poco per poterlo affermare e d’altronde sarebbe un gioco davvero troppo scoperto per due volpi come Putin e Musk

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA