play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Esteri

La tensione sul Mar Rosso riguarda da vicino l’Italia

today16/01/2024 10

Background
share close

Oggi una nave è finita nuovamente sotto il fuoco degli Houthi nel Mar Rosso e ha subìto alcuni danni, anche se nessuno uomo è rimasto ferito, hanno detto i funzionari. Si tratta di della nave mercantile Zografia, di proprietà greca colpita al largo dello Yemen, mentre transitava nella zona del Mar Rosso, a 76 miglia nautiche a nord-ovest del porto yemenita di Saleef. La situazione di crisi del Mar Rosso va sempre più aggravandosi. Quelli che all’inizio erano lanci diretti contro obiettivi israeliani o sauditi, ora hanno ad oggetto tutto il traffico marittimo nell’area meridionale del Mar Rosso, compreso quello riconducibile ad interessi italiani come accaduto al mercantile Palatium III della Ignazio Messina ed alla MSC Alanya.  L’Italia, con 2000 transiti di mercantili di bandiera o gestiti da operatori marittimi italiani, è tra i primi ad utilizzare la via d’acqua che congiunge, attraverso il Canale di Suez e lo Stretto di Bab el Mandeb, il Mediterraneo con il Corno d’Africa, il Golfo di Aden ed i quadranti del Golfo Persico e dell’Oceano Indiano. Esso è dunque parte di quel Mediterraneo Allargato che costituisce a tutti gli effetti la principale area geopolitica di interesse italiano. Naturale quindi che l’Italia guardi con preoccupazione alla crisi in atto e pensi di inviare in area una propria Unità navale nell’ambito di un costituendo dispositivo multinazionale di una coalition of willings a guida statunitense.

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA