play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Esteri

Medio Oriente: altri scontri Usa-Houithi e trattative ancora ferme

today05/02/2024 8

Background
share close

I militari Usa hanno scoperto dei missili nelle zone dello Yemen sotto il controllo degli Houthi. A loro avviso rappresentavano un pericolo sia per le navi militari americane che e i mercantili che si trovavano a passare nell’area. Sulla base di queste motivazioni ieri mattina verso le 4.00 le forze Usa hanno compiuto un azione contro un missile da crociera degli Houthi e più tardi anche contro quattro missili da crociera antinave, che erano in posizione per colpire natanti sul Mar Rosso. Il Centcom ha evidenziato come si tratti di operazioni per proteggere la libertà di navigazione e rendere le acque internazionali più sicure.

Sul versante delle trattative Hamas sembra orientato per il no all’accordo sul cessate il fuoco e alla liberazione degli ostaggi proposta a Parigi. Hamas, a sentire le voci che trapelano, insiste a pretendere il ritiro di Israele da Gaza, ma anche assicurazioni sulla fine della guerra. Le posizioni quindi rimangono distanti. Perché punta anche ad ottenere la liberazione di più detenuti palestinesi rispetto a quanto previsto. Secondo le notizie dell’emittente israeliana Kan, per ora non si è giunti nemmeno all’inizio di un accordo.

Ieri il no di Hamas non era ancora ufficiale, nella giornata chiave per il dialogo. Tanto che alle le 19, l’ora della deadline dei colloqui, non è si è avuta nessuna novità, né alcuna notizia ufficiale. Il leader di Hamas a Gaza, Yahya Sinwar, non si sposta dalla sua posizione. E anche la tv palestinese Quds-news-network , conferma che le parti sono lontane da una soluzione che Sinwar non vede se non partendo dalla fine della guerra a Gaza.

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA