play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Politica

Salvini nell’aula bunker dell’Ucciardone per il processo Open Arms

today12/01/2024 12

Background
share close

Sequestro di persona e rifiuto d’atti d’ufficio. Queste le due accuse che si riferiscono agli avvenimenti dell’agosto del 2019, quando Matteo Salvini , al tempo ministro dell’Interno, impedì a 147 migranti a bordo della nave lo sbarco a Lampedusa dalla nave Open Arms della Ong spagnola. E quelle accuse hanno portato il leader della Lega al processo che inizierà oggi nell’aula bunker dell’Ucciardone e dove il ministro imputato sarà difeso dall’avvocato Giulia Bongiorno.

Salvini ha pubblicato un post su Facebook in cui scrive di essere pronto a prendere parola al processo, che lo vede rischiare quindici anni di carcere per avere, a suo avviso, come Ministro dell’Interno, difeso la sicurezza e i confini del suo Paese. A testa alta, orgoglioso di quello che ha fatto. Queste le sue parole. Oscar Camps, il fondatore di Open Arms ha affermato che dal processo si aspetta che sia fatta giustizia e che Salvini risponda alle conseguenze delle sue azioni perché, a suo avviso, sono state iniziative personali.

In quei giorni a bordo della nave c’era anche l’attore Richard Gere, ritenuto un testimone chiave e obiettivo delle condizioni a bordo della Open Arms. In quel periodo si trovava in vacanza in Toscana e, venuto a conoscenza della situazione, con suo figlio ha preso un volo per Lampedusa per aiutare i volontari della Ong. L’attore ha affermato di non conoscere chi è sotto processo, e di essere semplicemente un testimone, né più né meno. E ha aggiunto che se gli verrà richiesto, racconterà quello che ha visto in quei giorni

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA