play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Esteri

Trump al processo di New York battibecca con il giudice e irride Jean Carroll

today18/01/2024 12

Background
share close

Ieri Donald Trump è stato minacciato di espulsione dal processo civile di Manhattan dopo aver ripetutamente ignorato l’avvertimento di tacere mentre la scrittrice E. Jean Carroll ha testimoniato come il tycoon avesse distrutto la sua reputazione, dopo averlo accusato di abusi sessuali.

Il giudice Lewis A. Kaplan ha detto all’ex presidente che il suo diritto di essere presente al processo sarebbe stato revocato se avesse continuato a disturbare. Dopo un primo avvertimento, l’avvocato di Carroll ha detto che Trump potrebbe ancora essere sentito fare osservazioni a voce alta ai suoi avvocati, tra cui che tutto fosse una caccia alle streghe e che fosse davvero una truffa. Il giudice Kaplan rivolgendosi a Trump, ha espresso la speranza di non dover prendere in considerazione l’idea di escluderlo dal processo, commentando che capiva quanto l’ex presidente fosse davvero ansioso che questo avvenisse.

Il candidato repubblicano alle presidenziali ha ribattuto che era vero e che gli sarebbe piaciuto, alzando le spalle mentre si sedeva tra gli avvocati Alina Habba e Michael Madaio al tavolo della difesa. Successivamente, Trump l’ha definito un cattivo giudice e un ragazzo che odia Trump, facendo eco ai propri post sui social media, secondo cui Kaplan era un giudice ribollente e ostile, offensivo, scortese e ovviamente non imparziale.

Quanto a E. Jean Carroll ha dichiarato di essere in quel tribunale perché Donald Trump l’ ha aggredita e, quando l’aveva scritto, ha detto che non era mai successo. Lui ha mentito e questo ha distrutto la sua reputazione, e, mentre l’ascoltava, Trump faceva smorfie e scuoteva la testa. La Carroll ha poi ribadito che l’ex presidente aveva mentito il mese scorso, aveva mentito domenica e lo stesso aveva fatto il giorno prima e che lei era lì per riprendersi la propria reputazione. Ha poi raccontato come un tempo fosse una rispettata editorialista, e come ora invece venisse additata come una bugiarda, una truffatrice e una matta, ha spiegato, citando le offese subite sui social.

Written by: content_creator

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA