play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
chevron_left
volume_up
  • cover play_arrow

    Radio K55

Musica e Spettacolo

Fabrizio De André l’artista, poeta e intellettuale…

today11/01/2024 64

Background
share close

Venticinque anni fa...

ci lasciava Fabrizio De André, uno dei cantautori più influenti e apprezzati della musica italiana. Nato a Genova il 18 febbraio 1940, è deceduto il 11 gennaio 1999. La sua musica e i suoi testi hanno lasciato un segno indelebile nella storia della canzone italiana.

Le caratteristiche principali della musica di De André erano le sue liriche poetiche, spesso incentrate su temi come la giustizia sociale, l’anticonformismo e la ribellione contro le norme sociali. Era noto per la sua capacità di raccontare storie di persone emarginate dalla società, come prostitute, banditi e drogati, con grande sensibilità e comprensione.

De André ha iniziato la sua carriera negli anni ’60 e ha continuato a produrre musica fino agli anni ’90. Alcuni dei suoi album più famosi includono “Volume I” (1967), “Tutti morimmo a stento” (1968), “La buona novella” (1970), “Non al denaro non all’amore né al cielo” (1971), e “Creuza de mä” (1984), quest’ultimo un esempio della sua sperimentazione con la musica etnica e dialetti diversi dall’italiano standard.

De André è anche noto per la sua collaborazione con il poeta Riccardo Mannerini, che ha contribuito a diversi dei suoi testi. La sua canzone “Bocca di Rosa” è una delle più celebri, ed è un esempio della sua abilità nel raccontare storie complesse con ironia e profondità.

La sua musica è rimasta popolare anche dopo la sua morte, influenzando generazioni di cantautori e musicisti. De André è spesso ricordato non solo per il suo talento musicale, ma anche per il suo impegno civile e la sua posizione critica nei confronti delle convenzioni sociali e politiche del suo tempo.

 

Innovazione Musicale e Lirica

De André è stato un pioniere nel fondere diversi generi musicali. Il suo album “Creuza de mä” del 1984 è un esempio notevole, in cui ha esplorato sonorità mediterranee, cantando in genovese e utilizzando strumenti tradizionali. Questo album è considerato un capolavoro della world music italiana.

I Temi delle Sue Canzoni

De André ha affrontato temi molto vari nelle sue canzoni, dalle storie di emarginati e diseredati (come in “Il Pescatore” o “La Città Vecchia”) alla critica delle istituzioni (come in “Il Testamento di Tito” o “Fiume Sand Creek”). Molte delle sue canzoni hanno un forte contenuto politico e sociale.

La Buona Novella

Un altro suo famoso lavoro è “La Buona Novella”, un album che mette in musica alcuni episodi dei Vangeli Apocrifi. In questo album, De André si dimostra sensibile e rispettoso verso temi religiosi, pur mantenendo una prospettiva critica e umanistica.

Vita Personale e Impegno Sociale

La vita di De André è stata segnata da momenti difficili, inclusa la sua esperienza di rapimento in Sardegna nel 1979. Questo evento non scosse la sua fede nell’umanità; al contrario, dopo il rilascio, esprimeva comprensione e simpatia per i suoi rapitori. Questo atteggiamento rifletteva la sua visione profondamente umanistica e la sua empatia per i meno fortunati.

Cosa ci ha lasciato?

Dopo la sua morte, il lascito di De André è rimasto molto vivo. Le sue canzoni sono state reinterpretate da numerosi artisti, e il suo approccio alla musica e ai testi continua ad essere un punto di riferimento per i cantautori italiani. Anche scuole e piazze sono state intitolate a lui, segno del profondo impatto che ha avuto sulla cultura italiana.

Insomma, Fabrizio De André non è solo stato un grande musicista, ma anche un poeta e un intellettuale che ha saputo esprimere, attraverso la sua arte, un profondo senso di giustizia sociale, compassione e umanità.

Written by: superadmin

Rate it

0%
Radio K55 APP

GRATIS
VISUALIZZA